Il silenzio è d'oro: la Corte di giustizia dell'U.E. precisa l'applicazione della direttiva n. 2000/78 sulla discriminazione in base all'orientamento sessuale