Ordinarietà come forma di resistenza